24 aprile 2015

Aiutiamo Deborah a non morire. Le servono cure costose all’estero

Mamma 40enne di Sangiano soffre di una malattia rara che la uccide lentamente. L’unica chance è un viaggio della speranza a Londra o Dallas: appello dei familiari.

Deborah non può più abbracciare i suoi figli, non può alimentarsi, non può uscire, non può indossare gli abiti che portava prima, perché rischia di morire.
Affrontare una malattia grave è difficile, quando si tratta di una malattia rara la vita può presentarsi molto più che drammatica, sfiorare la tragicità. Se non parte subito per la costosa terapia all’estero, difficilmente qui, a Varese come in Italia, senza le adeguate cure, potrà sopravvivere a lungo.

Un nemico subdolo

23 aprile 2015

Giovanni Lo Porto ucciso per errore dagli USA

Di Giovanni ci siamo occupati molte volte, tra i pochi online. Speravamo in una soluzione positiva della sua vicenda. Invece Giovanni non ce la fatta. Oggi è arrivata la notizia che non avremo mai voluto leggere, ascoltare o peggio scrivere quello che ora stiamo facendo. Non ci rimane che tristemente dare le nostre condoglianze alla famiglia e pregare per la sua anima ma soprattutto tenere vivo il ricordo di un ragazzo partito con grandi sogni. Il suo sogno era quello di far star meglio le persone. Ciao Giovanni, Riposa in Pace.

La notizia:
Giovanni Lo Porto, il cooperante siciliano da tre anni ostaggio in Pakistan, è stato ucciso da un drone della Cia a gennaio: l’obiettivo dell’aereo militare senza pilota della missione americana era un compound di Al Qaeda. Lo Porto era nel compound colpito con altri ostaggi americani. La notizia è stata data dall’agenzia americana Dow Jones che cita alti funzionari dell’amministrazione Obama. Assieme a Lo Porto vittima del drone Usa è l’esperto di sviluppo Warren Weinstein. (fonte Sole24Ore)

22 aprile 2015

Turismo accessibile, V4A lancia il corso dedicato alle Agenzie di Viaggio


Arriva il corso dedicato alle agenzie di viaggio che vogliono specializzarsi nel turismo accessibile, che da solo riguarda 140 milioni di persone in Europa e 12 milioni in Italia e che si stima possa incrementare i fatturati turistici fino al 20%. L’idea è di V4A, presente sul mercato fin dal 2008 con il primo Marchio di Qualità Internazionale Ospitalità Accessibile, che ha realizzato il primo programma di servizi dedicato alle agenzie di viaggio che vogliono rispondere alle richieste di questo settore.

Village4All Marchio Qualità Ospitalità Accessibile http://www.villageforall.net/
Altre Info su www.sweethive.com/wiredexp/corso-ospitalita-agenzie
Per leggere altre notizie sul Turismo Accessibile CLICCA QUI

21 aprile 2015

La doppia fatica di essere immigrati e disabili

Accettare la disabilità è una questione di cultura che dipende dal Paese di origine, aggravata dalla mancanza di punti di riferimento e dal fatto che può essere la fine del "progetto migratorio". Anche l'integrazione scolastica dei bambini disabili stranieri è difficile

ROMA - Le persone straniere fanno molta più fatica ad accettare la disabilità. È una questione di cultura, che dipende dal Paese di origine, e di mancanza di punti di riferimento o di reti familiari in Italia. Se gli incidenti sul lavoro "possono aprire una catastrofe non solo fisica, ma anche esistenziale, con pesanti ricadute economiche sul progetto migratorio immaginato dai cittadini stranieri quando hanno deciso di abbandonare la propria terra - niente più rimesse -, per quanto riguarda le psico-patologie le persone immigrate finiscono nelle strutture di ricovero molto di più dei cittadini italiani". A tracciare un quadro complessivo della situazione su immigrazione e disabilità è lo psichiatra Roberto Maisto, che per quattro anni ha lavorato al Centro di psichiatria multietnica "Georges Devereux" di Bologna, una struttura che fa capo al Dipartimento di salute mentale dell'Ausl.

17 aprile 2015

Turismo accessibile: grande opportunità per Napoli e la Campania

Turismo accessibile, un’opportunità straordinaria per la nostra regione. Se ne è discusso ieri presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli, nel convegno: “Nuove frontiere per lo sviluppo sostenibile e accessibile del sistema turistico: Garanzia Napoli“. L’evento è stato fortemente voluto dall’Ordine dei Commercialisti e dalla Fondazione Turismo Accessibile, che hanno costituito un comitato scientifico per promuovere iniziative e progetti concreti in un settore che ha una duplice importantissima valenza: sociale e di business. La valenza sociale è evidente: parliamo di tutte le persone diversamente abili, che, potrebbero avere finalmente l’opportunità di visitare i nostri bellissimi siti se questi fossero dotati delle strutture e dei servizi idonei ad accoglierli. Il business potenziale è altrettanto lampante: le statistiche ufficiali parlano di circa 680 milioni di persone nel mondo con difficoltà motorie interessate a viaggiare per turismo, quasi sempre con familiari ed amici in accompagnamento. Intercettarne anche una piccolissima parte sarebbe per Napoli e la Campania un’occasione straordinaria. Tra l’altro, dal punto di vista turistico, i diversamente abili non sono solo le persone che hanno difficoltà congenite o acquisite, ma tutti coloro che hanno appunto difficoltà a muoversi, quindi anche donne incinte, anziani, famiglie con bambini piccolissimi.

16 aprile 2015

Infoday a Catania su turismo accessibile e progetto MUST

Adeguare la propria struttura ricettiva in termini di accessibilità non è soltanto una questione di carattere sociale ma un’opportunità concreta di crescita. Punta a far comprendere agli operatori turistici questo concetto e a coinvolgerli nel progetto MUST (Mobility Unesco Sustainable Tourism) la giornata informativa in programma martedì 21 aprile a Catania, realizzata in collaborazione con la Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia.

Startup vince premio per progetto su turismo accessibile

Ha vinto un progetto sul turismo accessibile la terza edizione di startup weekend Palermo, la prima dedicata esclusivamente al turismo. Il primo premio è stato conquistato da Bookingbility, la piattaforma di prenotazione on line di strutture adatte a utenti disabili di Annalisa Riggio. Al secondo posto si è posizionato Travel Tweet, portale dedicato a chi vuole pianificare un weekend con la facilità di un tweet, mentre al terzo posto si è classificato Undiscovered Italy.

15 aprile 2015

"Il Turismo Accessibile aumenta fatturato del 20%"

Il fatturato di un'impresa turistico-culturale può aumentare tra il 18,3% e il19.7% se si punta sul mercato del Turismo e della Cultura accessibili. È quanto dimostrano diversi studi effettuati dalla Commissione Europea.
Di conseguenza, rendere accogliente a tutti la ricettività del Turismo e della Cultura è sì una responsabilità sociale, ma anche un valido strumento per promuovere la competitività dei servizi turistici (alberghi, B&B, ristoranti, pub, discoteche ecc.) e dei luoghi d'interesse artistico, storico e culturale (chiese, musei, pinacoteche, parchi archeologici, parchi ambientali ecc.).

14 aprile 2015

Ecco come far lavorare 400 disabili in più al giorno

Nel Regno Unito un anno e mezzo fa venne lanciato un patto tra governo e aziende per innalzare la quota di lavoratori disabili nel settore privato. Risultato: il tasso di disoccupazione è crollato di quasi l'11 ,e 141mila persone in più hanno trovato un posto. Di queste, 86mila sono donne
Ogni giorno nel Regno Unito ci sono 400 persone disabili che si svegliano e vanno al lavoro. Per la prima volta. Sono infatti aumentati di 141mila unità in un solo anno i disabili britannici che hanno trovato lavoro, pari a circa 400 neoassunti ogni giorno.

10 aprile 2015

Conosci il significato del saluto pace e bene?

Il Pace e Bene Francescano

Francesco nasce ad Assisi tra il 1181 e il 1182 e fino al suo venticinquesimo anno di età è promotore di feste e scorribande. Era un uomo che cercava di eccellere sugli altri con grande ambizione e prepotenza; viveva nel peccato, soddisfaceva tutte le tendenze giovanili senza freni e sprovvisto di autocontrollo, era agitato dal veleno dell'antico serpente. Visse una giovinezza cruenta e violenta, al punto tale che partecipò anche alla quinta crociata.
Tra il 1198 e il 1200, dopo la morte dell'imperatore Enrico VI (1197) i popolani delle arti distrussero la rocca imperiale di Assisi e assalirono le case fortificate dei nobili. Francesco decise allora di partecipare alle guerra tra Assisi e Perugia e armò nuovamente la sua mano con una spada che questa volta si sporcò di sangue. Tra i l202 e il 1203 le milizia assisane furono sconfitte a Collestrada, durante questa battaglia Francesco venne imprigionato e solo un anno dopo potè ritornare ad Assisi.

Giornale Radio Sociale

Le speaker volontarie della solidarietà: Dora Millaci e Giusy Luvarà